19 maggio 2014

Rachel Gibson
Irresistibile

Serie Chinooks Hockey Team 1
Titolo originale Simply Irresistible

Trama
I Romanzi Mondadori
Emozioni
pag. 380 | € 5,90
A causa di un’infanzia infelice Georgeanne Howard ha cercato la protezione di un marito ricco, molto più vecchio di lei. Ma al momento delle nozze si rende conto di non poter sposare un uomo che non ama. Così lo abbandona all’altare e per fuggire chiede l’aiuto di uno degli invitati, John Kowalsky, superstar dell’hockey. E troppo tardi questi si accorge di aver dato un passaggio proprio alla promessa sposa del proprietario della sua squadra. Ora vuole liberarsene, ma non prima di aver sfogato l’improvvisa passione che li sta travolgendo. Sette anni più tardi, John incontra di nuovo Georgeanne a una cena di beneficienza, scoprendo che da quella lontana notte è nata una figlia. Determinato a divenire parte della loro vita, dovrà però affrontare il boss e mettere a rischio la propria carriera.
"Mamma, pensi che abbia trovato il papà del pesciolino?" domandò Lexie ansiosamente. Georgeanne studiò quell'uomo grande e grosso con in mano il piccolo secchiello rosa e rispose: "Certo."Lui si voltò e sorrise. John il 'Muro' Kowalsky, il rozzo giocatore di hockey, eroe delle bimbe e custode dei pesciolini perduti, era salito di un punto nella scala di gradimento di Georgeanne.
Commento
In genere non sono una di quelle lettrici che fa le ore piccole, tendo a razionalizzare la lettura anche quando un romanzo mi piace molto. Con Irresistibile, però, ho fatto davvero fatica a fermarmi e ho continuato a leggerlo ben oltre l'orario della nanna. Per ben due notti di fila. Irresistibile è irresistibile.
C'è una categoria di scrittrici americane che scrivono storie che si assomigliano, con stili narrativi molto vicini e con la stessa capacità di creare romanzi lunghi, appassionanti, con una vena spiccata di ironia e di sensualità, con personaggi particolari e tipicamente americani. Ogni volta che ne trovo una la metto in questa lista (la stessa della Kleypas e della Phillips, per intenderci) e tendo a leggermi tutti i suoi romanzi. Con la Gibson farò esattamente questo perché sento che come autrice rimarrà sulla stessa lunghezza d'onda di Irresistibile.
E' il 1989 e Georgeanne è giovane, bella, ed è arrivata al traguardo che si era prefissata: trovare un marito ricco che si prenda cura di lei. Peccato che, proprio il giorno delle nozze, Georgie si renda conto che un uomo molto più vecchio di lei che non la ascolta e che la vuole solo per la sua bellezza non è esattamente ciò che desidera. Così prende la prima borsa che trova - con dentro solo intimo e cosmetici - e si infila nella prima macchina che sta lasciando il ricevimento. In quella macchina c'è John, uno dei giocatori di punta della squadra di hockey il cui proprietario è, neanche a dirlo, l'uomo che Georgie avrebbe dovuto sposare. John è brusco, scortese, apertamente maschilista e per niente intenzionato ad essere gentile. Solo il corpo di Georgie lo stuzzica abbastanza da non scaricarla alla prima stazione dell'austostrada e così la porta con sé alla sua casa al mare, convinto di poterla gestire. Niente sesso con l'ex del suo datore di lavoro, è la regola che John si impone. Eppure Georgie, che sente che John la sta per abbandonare, conta proprio sul suo aiuto finché non troverà un posto dove stare e così fa di tutto per infrangere la sua regola.
La mattina dopo la poverina si trova all'aeroporto, scaricata come una patata bollente dall'unico uomo che l'ha fatta sentire speciale e non stupida, preziosa e non dozzinale. John, con tutto il suo fascino e la sua potenza virile, non si è nemmeno guardato indietro.
Georgeanne, con il suo cuore infranto, il vestito da sposa e niente soldi, si trova nullatenente e nullafacente, in un classico schema del romance americano. E, come da manuale, riesce a reinventarsi in una città che non conosce, dove l'unica certezza è il suo nuovo lavoro.
A questo punto, proprio quando la storia ingrana, l'autrice decide di stoppare la narrazione e fare un bel salto temporale di sette anni. Personalmente avrei preferito che si continuasse la storia iniziale ma, appena la Gibson riparte con il ritmo e riprende le fila della storia, non c'è desiderio che offuschi l'interesse. Georgie torna alla carica che ormai è una donna fatta e finita che ha superato con dignità le difficoltà della vita e che ha trovato un'identità forte pur mantendendo quelle fragilità che hanno suscitato tenerezza nella prima parte del romanzo. Così quando torna in scena John e si rivela il patatrac - non spoilero - il romanzo prende un ritmo frizzante, una narrazione briosa e ironica e - al tempo stesso - sexy. Perché John è un eroe che non può frenarsi: la sua linguaccia lo fa parlare come uno scaricatore di porto, è quasi sempre mezzo nudo e sudato, è alto, moro e muscoloso ed è decisamente uno sportivo alfa. D'altronde con un nomignolo come il Muro, di sicuro il nostro John non poteva essere slanciato e sottile, no? A tutto questo aggiungiamo che ha un debole per le donne con le curve e per i bambini e siamo alla frutta, spacciate e tramortite.
Irresistibile è un romance che si legge d'un fiato, corposo ma non pesante, lungo nella storia ma non nel numero di pagine e che lascia un eroe bello e maschio (nel senso di uomo) e una protagonista perfettamente nel ruolo, immersa in una trama che più americana di così non si può.
Spero proprio che la Mondadori continui a pubblicare questa serie o, in mancanza di successo, almeno altri romanzi della Gibson. Certo, male che vada posso sempre ricorrere all'inesauribile fonte delle edizioni originali, ma perchè togliermi il gusto di averlo in italiano se si può?

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Anch'io l'ho letto e mi é piaciuto tanto...spero che la mondadori continui la pubblicazione della serie...

Alice ha detto...

Per colpa della tua recensione la wish list si allunga ancora! Mannaggia...
Ma d'altra parte come potrei farmi scappare un protagonista che "è quasi sempre mezzo nudo e sudato, è alto, moro e muscoloso ed è decisamente uno sportivo alfa" e di soprannome fa Muro? Deve essere mio! XD