21 marzo 2016

Jay Crownover
Oltre i segreti

Serie Marked Men 4
Titolo originale Nash

Trama
Newton & Compton
ebook | € 4,99
Saint Ford ha lavorato sodo per realizzare il suo sogno: diventare un’infermiera. Concentrata sul lavoro, dedita ai pazienti, nella sua vita non c’è spazio per l’amore. Non ha bisogno di un ragazzo che arrivi a turbare la sua calma, soprattutto adesso che è serena e ha dimenticato cosa le ha distrutto la vita quando era al liceo. Cupo e introverso, Nash Donovan potrebbe non ricordarsi di lei e del terribile dolore che le causò.
Ma fu lui la persona che stravolse il suo mondo… e che sta per farlo di nuovo. Saint non sa che Nash non è più quello di una volta. La scoperta di uno sconvolgente segreto di famiglia lo ha profondamente cambiato, e ora sta lottando per capire cosa fare. Non può lasciarsi distrarre dalla bella infermiera che incontra ovunque. E tuttavia non può ignorare le scintille tra loro, né rinunciare a una ragazza così divertente e dolce, soprattutto ora che sembra l’unica cosa ad avere senso nella sua vita.


Commento
Ogni tanto mi metto in testa di aspettare le promozioni (e Newton ne fa sempre un sacco sugli ebook) prima di comprare le novità. Poi mi dico aspetta, hai tanta roba da leggere questo non scappa.
Quanto sarà durata questa convinzione di fronte alle mie smanie psicopatiche devoleggerlosubito? Un paio di giorni di zen, e poi ho ceduto.
Ebbene sì, quando mi parte l'embolo di dover leggere un particolare romanzo non c'è PostePay al verde che tenga. E' come se il mio cervello non capisse più niente e castrasse completamente lo stimolo alla lettura. Mi dice o questo, o niente e aimé è davvero così. Finché non l'ho comprato, finché non l'ho iniziato, ogni libro che prendevo in mano era sciapo e leggere era quasi un peso.
Cosa potevo fare? Per mantenermi sana di mente ho ceduto.
Risultato? Il mio cervello si è placato, la mia anima di avida lettrice new adult no. Oltre i segreti ha aperto una voragine che tutt'ora mi sta causando un sacco di problemi, avendo solo stuzzicato e in parte soddisfatto l'appetito del mostro divora NA.
Io e Jay abbiamo fatto pace con i fuochi d'artificio grazie a Rome e a Cora, così qualsiasi seguito nella serie per me partiva già avantaggiato. Il fatto che Nash fosse uno di quei personaggi che chiama il lettore ogni volta che entra in scena mi aveva esaltata. Della serie voglio Nash e lo voglio subito.
Grazie al background costruito nel corso dei quattro romanzi, con OiS la Crownover non ha dovuto fare altro se non mettere i due protagonisti sulla scena, unire una bella dose di attrazione e di drama ed il gioco è fatto, un buon NA con un livello di sensualità piuttosto alta e due personaggi piacevolissimi da leggere.
Nash è stato come me lo aspettavo e come è stato dipinto dall'autrice e dagli altri ragazzi del gruppo. Di buon cuore, sempre pronto al sorriso e ad esserci per le persone che ama, Nash è un bad boy solo nell'aspetto perché sotto sotto è maturo, onesto e incline ad aprirsi e quasi quasi impaziente di innamorarsi. Okey, sì, il fatto che sia quasi interamente coperto da un unico tatuaggio e abbia piercings in zone vietate ai minori ha - in qualche modo - fatto schizzare alle stelle il mio interesse, ma se non hai anche altro da offrire oltre un bel corpo l'entusiamo si sgonfia in fretta.
Non dico che siamo ai livelli di Rome ma quasi, e mi sbilancio dicendo che Nash - complice la giusta storia che lo sostiene - ha reso la lettura sempre molto interessante.
Il punto debole di OiS è, mi spiace dirlo, Saint. Partita benissimo, Saint mi ha super esaltata perché è indipendente e forte ma anche quel lato fragile e insicuro che la rende perfetta per le scene più drammatiche o emotivamente forti. Le protagoniste troppo emancipate o troppo fredde non fanno per me, mi piace leggere di un personaggio femminile che ha entrambi i lati e che permette all'angst di graziare le pagine del romanzo. All'inizio Saint era perfetta, mi piaceva e mi piaceva come la storia seguiva entrambi i personaggi. Poi, come un disco rotto, la sua fissazione su alcune debolezze del suo carattere, le sue insicurezze ripetute all'infinito e usate come scusa - a volte - per essere irrazionale ed esagerata hanno indebolito la storia.
Se all'inizio il voto era quattro foglioline, il continuo lagnarsi di Saint e il suo essere testona - ma dico io, si può reagire sempre allo stesso modo senza parlarne prima? - verso la fine mi hanno stufata.
E' ovvio che mi aspetto il classico punto di rottura nella coppia, con l'allontanamento e la riconciliazione, però la struttura deve resistere. Le reazioni dei personaggi devono avere un riscontro negli eventi della storia: se uno è esagerato rispetto all'altro allora il castello di carte crolla e ti rimane in mano una storia che stona, personaggi che forse è meglio se sparisci ed altri che sembrano sprecati.
Quindi, se non si fosse capito, Saint ha rovinato un po' la mia lettura, ha smontato il mio entusiasmo e mi ha solo lasciato una voglia tremenda di leggere altro nella speranza di incontrare una protagonista con reazioni meno patologiche e più realistiche.
Niente toglie a Nash lo scettro di strafigo tatuato, perché francamente è impossibile e chapeu alla Crownover che ha saputo, ancora una volta, infilare alla fine i protagonisti del prossimo romanzo facendomi tornare la voglia tremenda.
Ora che ho finito Oltre i segreti e ho avuto la mia dose di Nash voglio Rowdy e lo voglio adesso.

2 commenti:

Alice ha detto...

Dopo il botto di Rome e Cora, anche a me questo libro ha un po' deluso. Come te, ho trovato troppo ripetitiva e lagnosa Saint. Pollice in giù per Saint. Però sì, nel complesso è un romanzo piacevole...

Miraphora ha detto...

Teniamo le dita incrociate per il prossimo!