7 marzo 2016

Cassandra Rocca
Ho voglia di innamorarmi

Trama
Newton & Compton
pag. 314 | € 9,90
Da quando ha lasciato casa e famiglia per trasferirsi a Los Angeles, Heaven Taylor ha un solo desiderio: trovare la propria strada e sentirsi una donna e soprattutto una giornalista realizzata. Ma la concorrenza è agguerrita e non è facile tenersi il posto neppure in un giornale di gossip. Per riuscirci dovrà ottenere lo scoop del momento: la top model più paparazzata insieme al suo amante misterioso. Decisa a farcela, Heaven si mette sulle tracce dei due a bordo di uno yacht, incurante delle nefaste previsioni del tempo che annunciano una terribile tempesta in arrivo proprio da quelle parti. Dopo varie peripezie, e proprio mentre sembra aver ottenuto le foto tanto agognate, il fortunale si abbatte sulla costa e la povera Heaven cade nell’oceano, vanificando i suoi sogni di gloria e trovandosi a rischio di vita. A salvarla da annegamento certo è David Cooper, che sopraggiunge su una barca bianca come un principe sul suo baldo destriero. Peccato che, nonostante la bellezza statuaria, David non sia propriamente un principe, e forse l’unica persona al mondo che Heaven sperava di non incontrare mai più…
"Potresti anche essere in procinto di vincere il Pulitzer, ma non cambierebbe niente: finché non capirai che sei già speciale, per il semplice fatto che non esiste nessun'altra persona al mondo che sia uguale a te, non sarai mai soddisfatta", disse David, con un sorriso dolce. "Pensaci. Al di là di una banale omonimia, di Heaven Taylor ce n'è una sola ed è piena di sfumature. E se per qualcuno potrebbe essere solo un puntino nel mondo, per qualcun altro potrebbe essere tutto. Ma prima devi convincerti del tuo valore, o nessuno se ne accorgerà."
Commento
Era da una vita che non leggevo un romance adulto, qualcosa che fosse romantico, dolce, ma maturo allo stesso tempo e mi era mancata la pace che queste storie sanno regalare. Così ho deciso di spezzare la pausa con un romanzo che - in certo senso - sapevo mi sarebbe piaciuto.
Quello che non mi aspettavo, anche se suona brutto dirlo, è quanto la storia mi avrebbe lasciata entusiasta, totalmente rilassata e contenta. Se c'è una cosa che Cassandra Rocca sa fare, e lo sa fare bene, è mettere di buon umore le lettrici. I romanzi d'amore non sono semplici da scrivere e, più di tutto, se non ti lasciano una buona impressione rischiano di essere dimenticati in fretta. Con la Rocca non mi è mai capitato. Anche se, magari, a volte i romanzi non entravano nel mio personale Olimpo, ho sempre guadagnato una piacevole esperienza: magari non sono stati indimenticabili, ma di sicuro sono stati tutti piacevoli.
Ho voglia di innamorarmi non solo è piacevole ma è proprio bello. E' uno di quei romanzi che leggi con gusto e che solleticano tutte le tue preferenze senza esagerare: ti piace la protagonista ingenua? Heaven lo è ma è anche razionale, per niente sciocca e auto ironica. Vuoi l'eroe bello, ricco, un po' scontroso ma fondamentalmente di buon cuore? David è tutto questo e forse anche qualcosa di più. Vuoi una trama che abbia in sé romanticismo, divertimento, avventura e quel pizzico di drammaticità per chiudere in bellezza? C'è tutto, gente, proprio tutto.
Se questo romanzo mi ha presa e mi è piaciuto così tanto è per l'insieme, per la fluidità con la quale la storia scorre, per i personaggi che sono semplici ma al tempo stesso per niente piatti e per la trama che non ti annoia mai e non esagera mai.
Non mi ricordo dove e quando l'ho letto, ma condivido e confermo la teoria seconda la quale Ho voglia di innamorarmi è il miglior romanzo di Cassandra Rocca.
Heaven è una di quelle protagoniste che piacciono a me. E' tosta pur mantenendo la sua essenza: la timidezza, l'insicurezza e le sue paure non le impediscono di provarci, di vivere la vita come viene e non la portano a nascondersi di fronte alle emozioni. Pur partendo svantaggiata, Heaven resiste bene agli urti, si tira ma non si spezza: la scottatura in amore non le impedisce di darsi e dare una seconda possibilità e non porta rancore. Forse è per questo che Heaven mi ha toccata, perché per certi aspetti mi rispecchia e dà una nuova definizione di forza interiore.
Dove sta scritto che una protagonista debba essere sfrontata e appariscente (con gesti, parole e azioni) per dimostrare di avere le palle? Per me sono più belle da leggere mille Heaven che tutte quelle eroine che, più che personaggi di romance, sembrano bulli in cerca di sangue da spargere. Il fatto, poi, che Heaven sdrammatizzi i suoi difetti e che si presti così bene all'ironia arricchisce in positivo la sua personalità. Ha coraggio, ha carattere, crede nel lieto fine ma non è infantile ed è realista senza essere cinica. Per me, in base ai miei gusti, Heaven è la miglior protagonista femminile di Cassandra Rocca, senza ombra di dubbio.
Potrei fare lo stesso discorso su David. Se scegliessimo le caratteristiche migliori dei suoi eroi e le mettessimo assieme il risultato sarebbe lui. Bello senza essere sfacciatamente perfetto, con quel pizzico di fascino oscuro che viene esaltato dalla sua maturità - non è per niente il solito ragazzino nel corpo di un uomo -, ha in sé abbastanza insicurezza e fragilità da ammortizzare l'aura di artista vip ma non stacca i piedi da terra. David è talmente equilibrato, talmente realistico nelle sue reazioni, piacevole e divertente da leggere e sexy che ho fatto fatica a crederci. Fino alla fine mi aspettavo che qualcosa stonasse invece no, anche lui come Heaven rasenta la perfezione.
La cosa che più mi ha soddisfatta nell'interazione di coppia - e so che può sembrare assurdo - è che entrambi, nel momento del dubbio, quando non sanno cosa sta succedendo e perché l'altro ha fatto certe cose, cercano attivamente il confronto e il dialogo. Al posto delle solite scene in cui scappano di fronte alle difficoltà, Heaven e David fanno le persone intelligenti e dicono ora ne parlo con lui/lei e vediamo di capirci qualcosa. E' un miracolo, non credo di aver mai trovato un romance dove entrambi i personaggi usano il cervello e non ficcano la testa sotto terra come gli struzzi. Grazie Cassandra, per aver unito il fantastico di una storia d'amore da romanzo e la vera verità di come reagiscono le persone sane di mente. Grazie.
Sulla storia avrei tantissime cose da dire, ma per evitare di allungarmi troppo mi concentro sulla varietà e sullo stile. Con varietà intendo i diversi setting, che portano a scene diversissime tra loro, il lungo prologo dei quattro anni prima che già da solo è fantastico, e la presenza di dialoghi divertenti, ritmatissimi, di scene d'amore decisamente sensuali e per niente esagerate, di bisticci sufficientemente drammatici senza cadere nel dramma cosmico e abbastanza intensi da regalare un vero coinvolgimento emotivo.
Di difetti non ne ho trovati, sarò sincera. Questo non vuol dire che il romanzo sia totalmente perfetto, ovviamente, ma solo che dall'inizio alla fine la struttura e la narrazione, i personaggi e la trama reggono e non sbavano.
Well done, Cassandra, well done.

3 commenti:

Lady Debora ha detto...

Che meraviglia da prendere assolutamente! Di Cassandra Rocca ho letto parecchie belle recensioni, è ora che mi decida a comprare i suoi libri!

Miraphora ha detto...

Adesso la Newton ha pubblicato la raccolta, è un'occasione da non perdere!

Cuore Zingaro ha detto...

Ciao sono una book blogger.
Sul mio blog si sta svolgendo un giochino con cartacei premio, passa se ti va!
http://ilcuoreinunlibro.blogspot.it/2016/03/vecchio-amico-3-libri-senza-tempo_4.html